Importanza dell'idratazione

La compattezza ed il turgore cutaneo sono sinonomi di giovinezza, essi dipendono dalla quantità di acqua contenuta nella pelle, ovvero dall'idratazione cutanea

La pelle contiene il 20% dell'acqua contenuta nel nostro corpo e, di questa, il 70% è contenuta nel derma, definito per questo il "serbatoio d'acqua" della pelle. Dai suoi strati profondi, proprio dove è più abbondante, l'acqua sale continuamente verso lo strato più superficiale, il corneo, e da quì si "perde" per un processo sia di evaporazione che di sudorazione (perspiratio sensibilis e perspiratio insensibilis).

Con questo meccanismo fisiologico la pelle tende a perdere circa 500 ml di acqua al giorno e lo strato corneo, con la sua struttura pavimentosa-pluristratificata, insieme al film idro-lipidico, mantello di protezione che lo avvolge come una "pellicola trasparente", creano una barriera che impedisce una maggiore dispersione di acqua. Se essi non ci fossero perderemmo circa 8 lt. di acqua in 24 ore! Lo stato di idratazione e benessere della pelle dipende dalla quantità di acqua presente nello strato corneo. Uno strato corneo giovane contiene circa il 13% di acqua e questo livello si abbassa fino al 7% con l'età. Uno studioso americano ha fissato nel 10% la "soglia critica" dell'idratazione al di sotto della quale si verifica una modificazione delle trame cutanee e delle proprietà del film idro-lipidico dando luogo al fenomeno della pelle disidratata

Il fenomeno della disidratazione è in continuo aumento, per il degrado giornaliero del film-idrolipidico e della struttura dello strato corneo con inevitabile diminuzione del loro ruolo di barriera: il risultato è una eccessiva perdita di acqua che influenza la pelle rendendola meno elastica, ruvida ed opaca.

I nemici dell'idratazione cutanea sono quei fattori ambientali che tutti noi viviamo sulla nostra pelle: l'eccessivo inurbanamento, l'esposizione eccessiva ai raggi solari, l'uso di detergenti spesso troppo delipidizzanti, l'acqua calda, l'uso frequente di aria condizionata o caloriferi, aggiungiamo quelli più personali l'ansia e lo stress della vita moderna, ai quali si somma l' invecchiamento fisiologico che rende il fenomeno della pelle disidratata oggi più importante di ieri, più differenziato e sicuramente più facile a diventare cronico.



torna indietro